Fondi collocati in borsa. Conflitto di interesse?

Questo articolo sarà un po’ lungo, ma vorrei aiutare i clienti a capire quanto un fondo collocato in borsa possa creare o meno con la banca un conflitto di interesse. E faremo quindi un passo alla volta…

Un fondo comune di investimento possiamo vederlo come un contenitore di titoli, centinaia se non a volte migliaia, e di diversa natura: azioni, obbligazioni passando poi a strumenti più complessi, che servono per difenderci dal mercato che scende o che ci spingono mentre il mercato sale. Un fondo comune di investimento permette quindi a me cliente di acquistare un portafoglio ben gestito da una Società di Gestione del Risparmio (SGR) che – da solo – difficilmente potrei permettermi.

Come posso comprare un fondo comune di investimento? Acquistando da una banca il numero desiderato di quote, cioè una o più porzioni del contenitore,  che cresceranno o diminuiranno in base agli andamenti di mercato.

Come funzionano i fondi di investimento?

Come funzionano i fondi di investimento?

Acquistare delle quote ha un costo di ingresso, che può essere scontato in base al consulente con il quale si lavora, ed un costo di mantenimento vista l’ingente mole di lavoro che viene fatta dalla Società di Gestione del Risparmio per controlla i mercati e mantenere i fondi comuni di investimento in linea con gli obiettivi dichiarati da chi li gestisce.

Per abbattere i costi a favore dei clienti è stata così data la possibilità alle Società di Gestione del Risparmio di collocare direttamente i fondi di investimento in borsa, senza passare dalle banche. In questo modo i clienti possono comprare i fondi direttamente dalla piattaforma senza passare dal proprio consulente/istituto bancario e risparmiando i costi di gestione.

Ora qui si apre il mio dibattito. E come dice il mio buon vecchio amico Rudy Bandiera, #seguitemi

Le banche a questo punto sono chiaramente di fronte ad un conflitto di interesse:

  • da un lato hanno la possibilità di collocare fondi che hanno per loro un ritorno. Vi faccio inoltre presente per trasparenza che le trimestrali delle stesse sono state sostenute proprio dalla vendita dei fondi comuni di investimento;
  • dall’altro si sta aprendo la strada dei fondi in borsa, con commissioni molto basse per i clienti e che potrebbero tornare utili a chi vuole farsi da solo un portafoglio.
Gli strumenti finanziari richiedono consapevolezza

Gli strumenti finanziari richiedono consapevolezza

Le commissioni gestionali impattano in maniera importante sui portafogli di ogni cliente e bisogna sicuramente prestare attenzione al tipo di consulenza che si vuole affrontare, comunicando con il proprio consulente se si decide di intraprendere un percorso. Tutto è destinato al largo consumo, con pagine e pagine di PDF da leggere.

L’acquisto di qualsiasi strumento finanziario richiede consapevolezza. Possiamo migliorarla insieme?

Annunci

Informazioni su Ornella Pesenti

Find me on 500px @opesent! Smart thinker, I see the world through my camera lens
Questa voce è stata pubblicata in Fondi e Investimenti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...