Meno Finanziamenti alle Imprese – il Credit Crunch non si ferma

Le imprese sono la linfa vitale di ogni nazione. Fanno crescere il Prodotto Interno e danno lavoro a tutta la popolazione. Tuttavia, a causa della crisi che stringe nella morsa l’Europa tutta, ma soprattutto il mediterraneo negli ultimi anni, ormai le banche soddisfano sempre meno le esigenze dei propri clienti con Partita Iva e società al seguito.

Secondo un articolo di ADN Kronos, “cresce il numero di chi chiede un fido, ma solo un quarto viene accontentato. Nel complesso, la percentuale di imprese finanziate è poco più del 4%. Penalizzate soprattutto le aziende di dimensioni inferiori e operanti nel Mezzogiorno”.

Nonostante le borse stiano performando positivamente da 3 anni ormai, le piccole imprese e gli artigiani che sostengono l’Italia dal più piccolo paese alla più grande metropoli, sono strette in una morsa dalla quale non riescono ad uscire. L’Osservatorio Credito Confcommercio sulle imprese del commercio, del turismo e dei servizi, realizzato nel secondo trimestre del 2014 da Confcommercio-Imprese per l’Italia in collaborazione con Format Ricerche, conferma infatti che nel secondo trimestre resta critica la capacità finanziaria delle imprese del terziario (circa il 48% dei casi) a fronteggiare autonomamente il proprio fabbisogno finanziario rispetto al trimestre precedente (in cui la percentuale era al 53%).

Logo Confcommercio Imprese

In una nota della ricerca si si fanno parlare i numeri, davvero impressionanti. Le imprese che si sono rivolte alle banche per chiedere un fido sono aumentate del 9%, portando la percentuale di imprese effettivamente finanziate a poco più del 4%. Aumentano del 5% le imprese che si sono viste invece rifiutare in tutto o in parte la domanda di credito, percentuali addirittura enfatizzate al sud con solo 2 domande su 100 accolte.

Chiudo con una piccola nota positiva: è comunque in leggero aumento la fetta del terziario in grado di fare fronte al proprio fabbisogno finanziario. Si tratta infatti di un 4% in più che riesce a chiudere i propri conti senza rivolgersi ad alcuna banche per un finanziamento, un fido o la rinegoziazione di questo, piuttosto che di un finanziamento esistente, come sottolinea Confcommercio.

 

Annunci

Informazioni su Ornella Pesenti

Find me on 500px @opesent! Smart thinker, I see the world through my camera lens
Questa voce è stata pubblicata in Conti e Banche e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...