Il conto offerto dalla mia azienda mi conviene… Mi conviene?

In settimana ricevo una mail da un cliente che mi scrive più o meno così:

grasse risate!

Risate che inizialmente non ho potuto condividere, se non aprendo l’allegato, tra lo stupito e l’incuriosito. Mi trovo così immersa a leggere le condizioni di un conto corrente di una banca classica, proposto a tutti i dipendenti di una azienda nazionale a seguito di un accordo – e a dirla tutta ne proponevano ben sette di tipologie di conti!

Ecco dunque le condizioni della “Formula Web” per paragonarle ad un reale conto online, poiché è interessante sapere dove guardare e cosa cercare in caso di bisogno. Se vi prendete qualche attimo per leggere, vi spiegherò poi perché la banca online vince e può permettersi certi (non) costi.

Il Conto Aziendale Mi Conviene Davvero?

Il Conto Aziendale Mi Conviene Davvero?

Sul fatto che il conto sia a zero spese darei un parere contrario, banalmente dalle cifre che vedo riportate già nelle principali caratteristiche. Ciò a cui dobbiamo fare attenzione sono le principali operazioni che facciamo o gli strumenti che utilizziamo:

      • Bonifici – verso la mia banca o altre dovrebbero avere lo stesso prezzo, sempre zero sarebbe carino a mio avviso;
      • Carta di credito o bancomat a seconda di quel che si usa – perché non gratis anche quello? E’ un servizio offerto proprio per diminuire la circolazione del contante!
      • Assegni – non solo l’acquisto del carnet, ma anche il loro addebito in banca!

Immaginiamo, se queste sono le cifre che possono riportare allegramente, a quanto ammonteranno le cifre nascoste che cercano di mascherare.

Ma perché mi permetto di dire questo, proprio io che in banca ci lavoro?

Le vere banche online hanno centralizzato tutti i servizi e demandato ai promotori la raccolta tramite la libera professione, risparmiando su stipendi e filiali dai costi che finivano tutti a carico del cliente.

Le banche classiche che ci provano sono ancora legate al mattone, non riescono a liberarsene, così come non possono liberarsi del lavoratore né tanto meno riadattarlo al ruolo di libero professionista, perché oggi incompetente. Dunque hanno dovuto aggiungere altri costi di servizio: server, sicurezza informatica, centralini che prima non avevano questo tipo di lavoro ma si occupavano solo di back-office (il che comporta altra formazione)

Chi pensate che paghi queste migliorie?

Per qualsiasi informazione o per approfondire l’argomento, contattami!
Sono a tua completa disposizione.

Annunci

Informazioni su Ornella Pesenti

Find me on 500px @opesent! Smart thinker, I see the world through my camera lens
Questa voce è stata pubblicata in Conti e Banche e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...