MPS for dummies

Qualche giorno fa, durante un caffè, un amico mi dice: “io non ne capisco assolutamente nulla, ma ti offro un pranzo se mi dai una spiegazione della situazione MPS (for dummies però!)”. Il pranzo effettivamente lo sto ancora aspettando, ma ho cercato col passare dei giorni di raccogliere qualche idea ed iniziare a dargli un percorso da seguire.

Ci sono state due situazioni, una politica e una finanziaria, che hanno portato MPS alla ribalta poco prima che arrivasse in TV il ciclone elezioniduemilatredici:

  1. Aspetto finanziario;
  2. Aspetto politico.

Cercherò di analizzarli con le informazioni a mia disposizione rendendolo chiaro e semplice per tutti, se mi è possibile. In caso ci sia qualcosa che vogliate approfondire, i commenti saranno ovviamente aperti a tutti.

ASPETTO FINANZIARIO

L’aspetto che più mi preme farvi capire è ovviamente quello finanziario. MPS è stata tacciata d’aver utilizzato i famosi derivati con una delle più grosse banche al mondo, la giapponese Nomura. Cosa avrebbe fatto? Per liberarsi di 200 “miseri” milioni apparentemente in picchiata targati Alexandria, MPS decide di assumersi il rischio di 3 miliardi di BTP trentennali italiani in gran segreto.

Perché questo? 200 milioni li avrebbe persi secchi subito, i 3 miliardi invece sarebbero diluiti nel tempo. In trenta lunghi anni. Dunque non sarebbero dovuti essere così visibili in quanto perdita.

Purtroppo l’utilizzo dei derivati viene scoperto dalla Guardia di Finanza, che stava nel frattempo indagando sull’operazione di acquisto della Banca Antonveneta, una operazione che a occhio e croce era costata un paio di miliardi in più in mazzette.

ASPETTO POLITICO

Come ci dice la Consob (Commissione Nazionale per le SOcietà e la Borsa), la nostra Banca Monte dei Paschi è controllata in maggioranza dalla Fondazione MPS la quale a sua volta (cito lo statuto) richiede che

Articolo 7

1.La Deputazione Generale è composta da sedici membri nominati:
– otto dal Comune di Siena, di cui uno d’intesa con la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Siena;
– cinque dalla Provincia di Siena, di cui uno d’intesa con la Consulta Provinciale del Volontariato istituita ai sensi dell’art. 6 della Legge Regionale Toscana 15/4/1996 n. 29 e del comma 4 dell’art. 10 dello Statuto della Provincia di Siena;
– uno dalla Regione Toscana;
– uno dall’Università degli Studi di Siena;
– uno dall’Arcidiocesi di Siena, Colle di Val d’Elsa e Montalcino.

Poiché la Regione Toscana è notoriamente rossa, e questo è tracciato e rintracciabile sul sito del ministero dedicato all’archivio storico delle elezioni, la banca di cui parliamo viene definita “Banca Rossa“.

Annunci

Informazioni su Ornella Pesenti

Find me on 500px @opesent! Smart thinker, I see the world through my camera lens
Questa voce è stata pubblicata in Azioni, Conti e Banche, Obbligazioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a MPS for dummies

  1. Vittorio Cucchi ha detto:

    Sintetico e limpido, capace di trasmetetre al potenziale dummy il desiderio di conoscere meglio questi tanto oscuri quanto concreti meccanismi. L’interlocutore del caffè si affretti ad onorare la sua promessa.

  2. marco vallardi ha detto:

    Io aggiungerei anche a questa analisi, le sofferenze bancarie in aumento e sproporzionate ai mezzi propri, impossibili da coprire; difficoltà di raccolta (anzi sono alle prese con deflussi); incapacità di restituire i Monti bond se non con capitali freschi (ma chi li metterà e x quale motivo?); rischio nazionalizzazione!
    Poi altre cose meno importanti…che dici Ornella?

    • opesent ha detto:

      Effettivamente caro Marco l’articolo inizia ad essere datato e nel frattempo un po’ di sviluppi ci sono stati. Purtroppo nessuno di questi è stato favorevole ad MPS e nemmeno le voci che danno la banca traghettata verso lidi postali sembrano migliorare le condizioni, tanto per i clienti (che iniziano a comprendere la situazione) quanto per gli azionisti!
      Mi ricorda tanto una Americana saltata qualche anno fa… manca solo il botto!

      Grazie per il tuo commento, potremmo scriverne una versione a quattro mani quando vorrai, aggiornata 🙂

  3. Pingback: Filiale 2.0? No, filiale .0! | Ornella Pesenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...